IL PROGETTO. Un agone di teatro e musica. Due voci, una maschile e una femminile, si intrecciano, bisticciano, si accarezzano. La terza voce è quella di un flauto, che insegue, stuzzica e fa danzare le voci degli attori. Il tutto per raccontare la “contesa” nell’affascinante mondo antico. I testi sono quelli dei grandi poeti e drammaturghi greci e romani, da Omero a Eschilo, da Aristofane a Plauto. Lo spettatore inizierà il suo viaggio nel giardino delle Esperidi, dove potrà cogliere la mela della discordia, causa della disputa fra Era, Atena e Afrodite e preludio della guerra di Troia. E da lì, le reboanti pagine di guerra, le dispute filosofiche e politiche della commedia greca, le beffarde contese amorose della comicità latina, i laceranti contrasti interiori della tragedia greca. Da un’idea di M.Margherita Manco, nasce uno spettacolo in cui le emozioni sono sapientemente dosate ma mai lesinate, con la magistrale interpretazione di Alessio Caruso e le sonorizzazioni e la straordinaria musica dal vivo di Gianluca Milanese. Il tutto sotto la sapiente supervisione della dea Eris.

GLI ARTISTI 

Alessio CARUSO. Formatosi tra Parigi e Milano (Ecole internationale de théâtre Jacques Lecoq e Scuola del Piccolo Teatro di Milano), è uno dei più affermati attori del panorama italiano. Per il cinema, ha lavorato in film di successo come Il Ciclone (regia Leonardo Pieraccioni – 1996), Arrivederci amore, ciao (regia Michele Soavi – 2006). In televisione, si è distinto come protagonista di numerose fictions, tra cui Il capo dei capi, Il delitto di via Poma, Distretto di Polizia, Squadra Antimafia. A teatro, ha lavorato in una ventennale collaborazione con il grande regista Riccardo Cavallo. Nelle ultime stagioni di prosa, ha recitato in Il giorno della civetta e A ciascuno il suo, tratti dai romanzi di Sciascia, per la regia di F. Catalano. Ha debuttato nella stagione teatrale 2014/2015 ne L’istruttoria di Peter Weiss, per la regia di R. Marafante, presso il Museo ATAC di Roma. Sarà in scena ne il Caligola di A. Camus per la regia di S. Della Villa.

Maria Margherita MANCO. E’ archeologa e attrice. Ha studiato pianoforte e canto lirico; i suoi interessi artistici spaziano anche dalla fotografia alla pittura. Laureata e Specializzata con lode in Archeologia presso l’Università del Salento, si occupa soprattutto di teatri greci e romani. A teatro debutta nel 2007 con Il Piccolo Principe di A. De Saint-Exupéry, con la regia di Salvatore Della Villa, spettacolo con cui è ancora oggi in scena. Ha interpretato testi di Pirandello, Amurri, De Filippo, Benni, Cechov, Cooney, Campanile, Rodari, Shakespeare, W. Chiari. E’ la protagonista in Medea. L’ora della vendetta, (stagione teatrale 2011-2012) regia di D. Cortese e A. Donaera, Teatro Italia – Gallipoli, spettacolo che ha avuto padrini d’eccezione, come Massimo Ranieri e Gaetano Aronica. E’ stata altresì la protagonista femminile di “Lo sanno loro tre”, da R. Cooney e Pericolosamente di E. De Filippo. Nel 2010, realizza numerose serate di cena – spettacolo “Cena con delitto”. Nella stagione teatrale 2012/2013 è in scena con lo spettacolo Le bagatelle di Lady Macbeth, – compagnia Asfalto Teatro – Lecce, regia di Aldo Augieri. Nell’estate 2014 assume la direzione artistica del progetto “Archeologia creativa”, realizzato dall’Università del Salento, che prevede eventi di musica e teatro presso vari siti archeologici, come Cavallino e San Vito dei Normanni. Nella prima edizione dello stesso evento, porta in scena insieme ad Aldo Augieri, Ero e Leandro di Marlowe. Nella stagione teatrale 2014/2015, sarà in scena con il Caligola di A. Camus, regia S. Della Villa e partecipazione straordinaria di Alessio Caruso. Attualmente è dottoranda in Scienze del Patrimonio Culturale presso l’Università del Salento e lavora con la compagnia Salvatore Della Villa e Teatro d’Ateneo.

Gianluca MILANESE. Nato a Udine nel 1973, ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio “T. Schipa” di Lecce, diplomandosi in Flauto, Musica Jazz, Musica Elettronica e conseguendo il diploma accademico di I e II livello in Musica Antica con il M° L. Bisanti. Nel 1997 ha ricevuto l’Outstanding Musicianship Award a Umbria Jazz come musicista emergente per le doti musicali messe in evidenza. Da oltre 20 anni sulla scena musicale nazionale ed internazionale (Gran Bretagna, Belgio, Portogallo, Slovenia, Germania, Grecia, Cina) con repertori che spaziano dalla musica antica all’improvvisazione radicale. Ha conseguito con lode la laurea in Beni Culturali – ind. Beni Musicali presso l’Università del Salento. Dal 2009 ricopre il ruolo di Direttore Artistico del Festival Maggio Musicale Salentino. E’ titolare della cattedra di Flauto Traverso presso l’Istituto Comprensivo Polo 2 ad Indirizzo Musicale di Trepuzzi.

Share